Kant diverso. Pena, natura, dignità PDF

Abbiamo conservato per te il libro Kant diverso. Pena, natura, dignità dell'autore Paolo Becchi in formato elettronico. Puoi scaricarlo dal nostro sito web capturtokyoedition.it in qualsiasi formato a te conveniente!

DESCRIZIONE
Quale eredità ci ha lasciato Kant? A partire dai suoi primi scritti sino alle sue opere fondamentali, si delineano qui - e vengono discussi - i concetti chiave della sua 'filosofia pratica', e i loro effetti sino a oggi: pena, (doveri verso la) natura, dignità. Categorie che, se in Kant hanno una fondazione morale, si declinano anche in senso giuridico. È il caso emblematico della pena - oggetto del primo capitolo - con riferimento alla quale Kant, al di là degli scopi che con essa si possono perseguire, è alla ricerca di un principio di giustificazione. Centrale anche il rapporto fra l'uomo e la natura, indagato nel secondo capitolo. Di fronte alle sfide dello sviluppo e dell'ambiente, alle urgenze dell'ecosistema, paiono trasformarsi gli stessi termini in gioco: le teorie etiche che coinvolgevano il soggetto-uomo si estendono ora ad altri soggetti, agli animali e al pianeta. E che ne è della dignità umana? Il terzo capitolo evidenzia che l'attuale dibattito intorno a questo principio è certamente diverso da quello verificatosi nell'immediato dopoguerra. E tuttavia, ora come allora, se non basta il semplice ritorno a Kant per risolvere i problemi, il richiamo al 'nocciolo duro' della dignità, che consiste nel considerare l'uomo come 'fine in sé', può continuare a offrire un punto cardinale per orientarsi.
NOME DEL FILE
Kant diverso. Pena, natura, dignità.pdf
DATA
2011
ISBN
9788837225292
AUTORE
Paolo Becchi
Capturtokyoedition.it Kant diverso. Pena, natura, dignità Image
SCARICARE LEGGI
PDF Kant diverso. Pena, natura, dignità ePub - WenzelAgrippa
Acquista online il libro Kant diverso. Pena, natura, dignità di Paolo Becchi in offerta a prezzi imbattibili su Mondadori Store.
Kant diverso - Pena, natura, dignità libro, Becchi Paolo ...
«Le cose potranno sensibilmente cambiare soltanto quando (…) si comprenderà che - senza retorica - togliere la dignità e la speranza ad un proprio simile significa toglierle a se stessi» (Glauco Giostra, "Il rimedio compensativo della riduzione di pena: problematiche tecniche e demagogici allarmismi", in "Il senso della pena.

LIBRI CORRELATI